Le nuove tecnologie e la digitalizzazione rappresentano per il mercato del lavoro un grande cambiamento. La scuola e i sistemi formativi faticano ancora a tenere il passo e a preparare in maniera adeguata ragazzi e ragazze. Insieme al European Policy Centre, un think tank su temi e politiche comunitarie con sede a Bruxelles, e con Connecting Europe, l’iniziativa promossa dalla Stiftung Mercator, StartNet Europe ha organizzato un incontro specialistico dedicato alle competenze digitali il 20 giugno 2019. Le organizzazioni partner Scoala de Valori (Romania) e Fundacìon Secretariado Gitano (Spagna), il progetto belga Maks Vzw e la Direzione Generale CONNECT della Commissione Europea si sono confrontati su esperienze concrete in cui i giovani sono aiutati a sviluppare competenze digitali necessarie per il mercato del lavoro. Un esempio, anche con una categoria di giovani spesso discriminati: da anni Fundacìon Secretariado Gitano facilita l’ingresso nel lavoro a ragazzi e ragazze di etnia Rom con una formazione digitale e tecnologica specifica per il loro profilo professionale, aumentando così notevolmente le loro probabilità di trovare un'occupazione.

Tutte le iniziative presenti hanno posto l’accento sull’importanza di una stretta collaborazione tra sistemi di istruzione e aziende, anche per le opportunità lavorative che i settori altamente digitalizzati rappresentano. L’accesso alle competenze digitali e informatiche dovrebbe essere garantito allo stesso modo a tutti i giovani in maniera egualitaria, proprio per l’imprescindibilità del digitale nel mondo del lavoro di oggi. Insieme alle cosiddette competenze trasversali e all’auto-imprenditorialità, un bagaglio di abilità digitali risulta ormai indispensabile per un/a giovane che vuole entrare nel mercato del lavoro e crearsi al più presto una vita autonoma.